primo corso per l'apprendimento dell'iphone: lasciamo la parola al vicepresidente!

Inviato da Marta Ghelli il Mar, 07/07/2020 - 11:03
L'Associazione Guidiamoci, nell'ambito della sua missione statutaria, tesa a migliorare la qualità della vita delle persone non vedenti ed ipovedenti, attraverso l'individuazione degli strumenti più idonei per raggiungere tali obbiettivi, nei mesi scorsi ha organizzato un corso iphone di I Livello rivolto a coloro che non avevano ancora raggiunto l'autonomia necessaria per usare nel modo migliore quel dispositivo. Gli incontri con cadenza settimanale curati da Chiara Schiroli, sono iniziati il 5 marzo 2020 con un illustrazione estremamente dettagliata dei movimenti principali da compiere per iniziare ad usare l'Iphone e sono proseguiti con le spiegazioni sull'utilizzo del tasto home, della barra di stato e del dock. Le lezioni successive, hanno riguardato l'uso dello switcher applicazioni, del widget, del centro di controllo, e si sono concluse il 4 giugno 2020, con l'appstore. Ad ogni lezione, Chiara, ha redatto un file di testo ed inviato la registrazione audio della lezione, il che ci ha consentito di risentirla con calma e ripetere i movimenti da compiere in tutta tranquillità. Nonostante questa attività sia capitata nel periodo di lock down, quindi in un contesto particolarmente difficile, da allievo del Corso, ritengo che la didattica, si sia comunque svolta sempre in maniera molto efficace, in oltre, il fatto di sentirci ogni settimana e poterci confrontare, al di là della didattica, ha contribuito a mitigare un clima che, soprattutto per chi non vede o vede poco, ha fatto emergere ulteriori problematiche. L'Associazione Guidiamoci, insieme a Chiara Schiroli, sono pronte per dar vita ad un Corso di II livello per consentire a chi è già abbastanza avvezzo, di migliorarsi. I dettagli di questa iniziativa autunnale, verranno resi noti sul nostro sito, quindi vi esorto a partecipare, perché usare l'iphone, è uno dei modi più importanti per non rimanere isolati in un mondo che corre inesorabilmente. Giuseppe Voci.
Etichette